Il mondo dei Quarzi

QUARZO IALINO

Quarzo Ialino

La formula chiamica del Quarzo Ialino SiO2 evidenzia i due componenti più presenti sul pianeta, ossia il Silicio e l’Ossigeno. Questo è il motivo per cui la famiglia dei Quarzi è la più diffusa sul pianeta.
Il Quarzo Ialino ha però ricoperto un ruolo molto più importante nella storia rispetto a tutte le altre pietre dure, e questo è dovuto alla purezza della sua luce.

Quarzo laser

Ha una forma allungata e sottile con piccole facce che costituiscono la terminazione.
È una costante sorgente di luce bianca ed è in grado di assorbire e poi cedere l’energia tramite un raggio sottilissimo e molto concentrato.
Quando lo si impugna, l’energia tende a circondare il corpo, costituendo una barriera protettiva.
La sua energia è così intensa e di qualità che può essere usata per creare campi di energia o scudi protettivi intorno a persone o luoghi.
Tenendolo nella mano destra o proiettando una linea diretta di energia attraverso il cristallo, è possibile tracciare un campo di forza impenetrabile.

In pratiche avanzate di cristalloterapia, è possibile utilizzarlo per trattamenti di alto livello come la chirurgia psichica emozionale sul cuore.
Con questo tipo di utilizzo, naturalmente praticabile solo da mani più che esperte, è possibile impedire la manifestazione corporea di molte malattie fisiche, rimuovendo attitudini, sentimenti e attaccamenti che provocano o potrebbero provocare, disturbi e malattie.
Facilita la comunicazione con gli altri mondi, il mondo dei cristalli ed il proprio mondo interiore.
Il cristallo laser può essere utilizzato per il trattamento di disordini comprendenti l’imperfezione di forma o di funzione.
Esso aiuta a riconoscere la propria perfezione e bellezza, facilitandone la manifestazione all’esterno.

Si riconosce perchè è un cristallo lungo e sottile con piccole facce che formano la terminazione; gli angoli dei lati sono spesso curvi.
Aiuta a raccogliere le proprie forze e ad attivare le proprie riserve di energia consolida i propositi interiori, focalizza i pensieri sull’obiettivo perseguito. Tonifica i meridiani energetici ed i nervi. Utilizzarlo per creare campi di energia o scudi protettivi intorno a persone o luoghi, tenendo la verga laser nella mano destra e proiettando una linea diretta di energia all’oggetto del nostro lavoro; intorno e non direttamente contro, per non danneggiare il suo campo aurico.

Quarzo arcobaleno

Si riconosce perchè è trasparente con fratture interne che scompongono la luce bianca nei colori dell’arcobaleno. Esprime come la Luce si manifesti in una panoramica di colori e secondo un’infinita sfaccettatura di forme; rappresenta il Creato; permette di vedere la bellezza nei e dei momenti duri, di “frattura”; rimuove la negatività dagli ambienti.
Apporta gioia, entusiasmo, fiducia, amore, curando la malinconia, l’angoscia, la depressione, la tristezza, inoltre apporta energia fisica ed emotiva stimola i flussi energetici, i nervi, le funzioni cerebrali, la tiroide; allevia dolori e gonfiori.

È caratterizzato da fratture prismatiche, che producono arcobaleni di colore all’interno del cristallo.
Permette di riconoscere ciò che è positivo nella sofferenza.
Stress o violenza hanno causato le fratture in quella che avrebbe potuto essere una pietra perfetta.
Quando la luce entra in contatto con queste fratture, invece di vedere delle imperfezioni si cattura il mistero della luce bianca scomposta nei sette colori dell’arcobaleno.
Infonde nuove energie che possono essere utilizzate nella guarigione di uno o tutti i chakra.
Aiuta a risollevare l’umore di chi prova tristezza, dolore o depressione.
Rimuove le negatività da un ambiente o da una situazione.
L’iridescenza si può trovare in diverse tipologie di quarzo, e questa caratteristica offre una marcia in più alle proprietà di questo cristallo.
Il cristallo arcobaleno va girato e rigirato più volte alla luce del sole per poter catturare le sue vibrazioni cromatiche che infondono calma, leggerezza e gioia.

Quarzo biterminato

Si riconosce perchè ha le terminazioni a punta alle due estremità. Si sviluppano nella terra o sull’argilla. Emana energia da entrambe le terminazioni. Insegna che è possibile trovare l’equilibrio entro la nostra duplice natura spirituale e materiale ed è la prova di come ogni polarità trova tutte le altre al suo centro. Integra ed armonizza i centri energetici, dissolve i blocchi di energie stagnanti.
Inoltre aiuta a stabilire contatti con gli altri, favorisce la telepatia e aiuta ad esprimersi con chiarezza, efficace sulle persone squilibrate. Riattiva il flusso alterato delle energie Ottimo sulle rughe da stress.

È un cristallo naturalmente sfaccettato ad ogni estremità che non si sviluppa da una matrice come gli altri, bensì liberamente nella terra o nell’argilla.
La sua peculiarità è che l’energia si muove in entrambe le direzioni, alternativamente o contemporaneamente, e viene condotta attraverso entrambe le estremità.
Dal momento che rafforza il flusso dell’energia, si rivela particolarmente utile quando si ha la necessità di condividere o scambiare l’energia con un’altra persona.
Se si hanno bambini, è possibile usarlo per inviare loro energia positiva o per produrre un effetto calmante su loro e su sé stessi.
Simboleggia l’integrazione dei due mondi in una singola forma, insegnando che è possibile essere bilanciati nella propria dualità di spirito e materia.
Tenuto in ciascuna mano per almeno cinque minuti, distende ed infonde una calma rassicurante.
Espande la consapevolezza ed armonizza il dominio logico con quello intuitivo ed il dominio fisico con quello spirituale.
Può essere direzionato direttamente verso differenti zone del cervello, allo scopo di stimolare aspetti sotto tono della personalità o della consapevolezza.
Integra ed armonizza i vari centri energetici, dissolvendo qualsiasi blocco che impedisca un corretto flusso di energia attraverso il corpo.
Attenua le rughe che si formano sotto gli occhi e sul viso, invertendo il processo di invecchiamento e rallentando lo stress che ne è all’origine.
Il cristallo biterminato rappresenta il miglior mezzo da usare con persone emozionalmente o mentalmente squilibrate.

Quarzo faden

Si riconosce perchè nella struttura interna dei cristalli è chiaramente visibile una linea lattiginosa dalla vaga forma di piuma, che solitamente attraversa il cristallo; si pensa che la linea rappresenti il punto originario di crescita del cristallo.
Possiede l’ abilità di attivare o far iniziare una nuova crescita del proprio Sè, o di qualcuno con cui si sta lavorando.

Quarzo fantasma

Si riconosce perchè è un quarzo molto trasparente con nebulose all’interno del cristallo che ne seguono la forma dell’apice. Possono essere presenti uno o più fantasmi all’interno dello stesso elemento.
Lavora in modo specifico nell’aiutare a superare i periodi di stallo che si affrontano nella vita. Dinanzi a momenti in cui ricominciare a crescere, evolvere o semplicemente andare avanti diventa complesso, il quarzo FANTASMA insegna come rimettersi in piedi ed in moto, sottraendosi al desiderio di mollare e di lasciarsi andare e recuperando forza, coraggio e fede.

Mostra al suo interno un sottile velo bianco, a volte colorato, formatosi nel punto in cui la sua crescita ha subito una pausa.
Da quella che appare come una limitazione emerge invece una misteriosa bellezza.
Questo cristallo aiuta a considerare i momenti critici della propria esistenza ed instilla quel senso di magia che la maggior parte delle persone ha perduto da qualche parte lungo la strada.
È fondamentale per chi è alla ricerca della propria spiritualità.
Il cristallo fantasma è indicato per coloro hanno bisogno di capire come l’interiore sia sempre il fondamento di ciò che è esterno e lo spirito di ciò che è materiale.

Quarzo generatore

Si riconosce perchè tutte e 6 le facce convergono e si riuniscono all’ apice del cristallo; E’ un generatore di energia cosmica. Promuove un atteggiamento interiore sicuro e corretto e stimola chiarezza mentale e concentrazione; inoltre fortifica e stimola meridiani e nervi.

Quarzo lemuriano

Si riconosce perchè ha una luminescenza madreperlacea rosa-rossastra e soprattutto ha delle marcate linee di accrescimento parallele su uno o più lati, solitamente terminanti in una faccia a triangolo.
Ha il compito di creare una connessione tra il centro della Terra, la sua superficie, i suoi abitanti e i sistemi stellari; può realizzare tanto poichè ogni cristallo di Lemuria è collegato con tutti i suoi simili.
In meditazione, si può entrarvi in contatto, ponendo le striature orizzontali sul terzo occhio o strofinandole con il dito indice della mano sinistra; tenendolo nella mano destra mentre, ci si muove circolarmente intorno a qualcosa o qualcuno, crea un cerchio protettivo di luce.

Ha una serie di striature orizzontali che corrono su una o più facce e che solitamente terminano in una faccia triangolare che forma l’apice del cristallo.
Invece di essere trasparente appare madreperlaceo, con una patina opaca, ed a volte presenta una particolare luminescenza con sfumature dal rosa al rossastro.
Questo cristallo mette in comunicazione con esseri, pronti e in attesa di sintonizzarsi con l’anima umana, esistenti sul piano fisico prima ancora del tempo di Lemuria e che sono all’origine del nostro mondo attuale.
Si ritiene che la stirpe lemuriana, dopo aver originato il nostro mondo, abbia abbandonato la terra per altri sistemi solari o per scendere nel profondo della terra stessa, da dove oggi si prende cura del nostro mondo e ci invia questi cristalli che solo da poco tempo si stanno affacciando alla superficie.
Si pensa che essi siano stati piantati nelle profondità della Terra durante le ultime fasi della civiltà Lemuriana, con il proposito di creare una connessione tra l’interno della Terra, la sua superficie ed i sistemi stellari, connessione derivante dal fatto che ogni singolo cristallo lemuriano appare connesso in questo modo a tutti i suoi simili presenti sulla Terra e dentro di essa.
Il cristallo lemuriano non conserva al suo interno specifiche informazioni, ma sembra piuttosto creato per essere portatore nel tempo di un messaggio di unità universale per chi, come essere umano, vive unicamente sul piano fisico.

Quarzo ponte

Si riconosce perchè ha un piccolo cristallo che penetra in uno più grande, parzialmente dentro e fuori dal cristallo maggiore. Si rivela di grande aiuto nell’ attraversare i “ponti interiori”, nei momenti di cambiamento in cui sentiamo di doverci muovere verso ciò che non conosciamo, quindi questo cristallo aiuterà a superare la paura dell’ ignoto e a condurre verso una vita nuova e migliore.

Quarzo tabulare

Si riconosce perchè è piatto, con due facce opposte larghe almeno il doppio delle altre. Sviluppa le facoltà psichiche, ampliando gli orizzonti. Connette e radica energie diverse, dando via libera ad una conoscenza più profonda di noi stessi e del mondo. Utili per il lavoro di connessione tra il sé adulto ed il sé bambino Inoltre aiuta la comunicazione e migliora l’attenzione verso le necessità prioritarie proprie ed altrui e potenzia tutte le energie dell’organismo.

Ha forma piuttosto piatta, con due facce (opposte fra loro) almeno due volte più larghe delle altre, che gli conferiscono l’aspetto quasi a tavola.
È molto efficace per la comunicazione e, grazie alla sua capacità di connettere e radicare energie diverse, aiuta a capire più chiaramente gli altri e se stessi.
Può rappresentare un ponte tra il proprio sé adulto ed il proprio spirito bambino.
Le facce più estese presentano spesso rilievi o striature, che se percorse con le dita durante la meditazione, possono dare accesso all’interno del cristallo e alle sue informazioni.
È possibile attivare altri cristalli tenendoli in una mano mentre si tiene il tabulare nell’altra, e si percorrono con le dita le striature.
Il cristallo tabulare è estremanete utile per coloro che desiderano sviluppare le proprie facoltà psichiche.

Quarzo scettro

È costituito da un cristallo, che si è formato naturalmente intorno ad una bacchetta o verga, che lo ha penetrato alla base.
Si ritiene che questo tipo di cristallo venisse usato in Atlantide e Lemuriadurante le cerimonie di guarigione, e che fosse il simbolo del potere.
Chi reggeva o indossava un cristallo scettro ricopriva il ruolo di alto sacerdote.
Questo cristallo veicola la spiritualità dei più alti piani nei processi di guarigione, ed è in grado di focalizzare l’energia in profondità fino al cuore del problema.
Riesce infatti ad inviare l’energia direttamente al cuore della cellula, al cuore della disabilità, al cuore dei corpi sottili e al cuore del centro energetico del corpo eterico, dove ha luogo la ristrutturazione dei disordini fisici, mentali o emozionali.
Il cristallo scettro trasmette consapevolezza ed autorità, favorendo il conseguimento di ogni tipo di obbiettivo, anche il più difficile.

I commenti sono chiusi.