Proiezioni

PROIEZIONI

proiezioni

Prima di pensare alle proiezioni astrali bisogna preoccuparsi delle proiezioni che si gettano sugli altri, poichè creano lacci invisibili che legano ed ancorano a terra.
 
Come funzionano? proiezioni astrali
Quando c’è un aspetto di sè stessi che non si sopporta, oppure quando desideriamo tanto che qualcosa accada a noi stessi, finisce inevitabilmente che proiettiamo paure o aspettative sugli altri.
 
Chi sono questi altri?
Possono essere chiunque: familiari, partner, amici, parenti, insegnanti o maestri spirituali.
Nessuno è escluso da questo meccanismo inconscio, e svelarlo non è affatto semplice.
 
Come risolviamo questo problema?
La via come sempre è lunga e tortuosa poichè interiore e psicologica. La meditazione è sempre un buon punto di partenza per cominciare ad acquietare i pensieri della mente.
In seguito si dovrà fare una seria auto-osservazione, ponendosi domande sui propri princìpi, comportamenti, reazioni, emozioni e soprattutto su chi pensi di essere realmente.
 
Sembra una cosa scontata e invece non lo è affatto: a molte persone quando viene chiesto di descrivere che tipo di vita desiderano non ne hanno la minima idea, oppure hanno un’idea così vaga e “standard” che gli pare banale anche solo esporla.
In questo modo si procede quasi alla cieca, senza un reale obiettivo, sballottati tra le tendenze e le urgenze del momento, che il momento dopo cambiano completamente.
 
Perchè succede questo?
Perchè abbiamo troppe scelte, e queste ci confondono.
Negli anni 80 anni è iniziata l’impennata della tecnologia che, soprattutto negli ultimi 20 anni, ha completamente stravolto i valori ed i ritmi di vita di tutti, in mille modi diversi ma correlati.
 
La TV è ormai principalmente spazzatura, intrattenimento per gente annoiata dalla vita, gente che non sa più leggere, scrivere, parlare, immaginare.
Del resto, perchè sbattersi quando con un click puoi avere qualsiasi tipo di distrazione non-stop?
E così cambiano i “modelli di prestazione” – come li si chiama nello sport – modelli finti, illusioni costruite per tener la gente comoda e mansueta.
 
E’ urgente ritrovare la propria coerenza.
Nel corpo, nella mente e nello spirito.
Ma non voglio che rimangano parole classiche e vuote:
– Nel corpo puoi cercare la TUA forma ideale, un mix tra piacere e piacerti, che costa certamente sacrifici, ma che è l’unico modo di sentirsi sani
– Nella mente cominciando con lo spegnere la TV, sostituire le serie tv a una serie di libri di spessore, staccare il telefono per prenderti dei momenti per te stesso/a, stare in compagnia di buoni amici
– Nello Spirito dedicandoti alla meditazione giornaliera, seguendo gruppi di crescita interiore, praticando una disciplina orientale o una religione, studiando la divinazione e l’alchimia
 
Al giorno d’oggi non mancano certo le alternative…ciò che manca è il tempo, che ormai viene venduto e comprato più che vissuto.
Non svendere il tuo tempo, non sprecarlo! Investilo in istruzione, relazioni, ispirazione, riposo!
 
“Uomo conosci te stesso e conoscerai l’universo e gli dèi”
 
Dopo migliaia di anni questa frase di Socrate risulta sempre e per sempre vera. Semplice, schietta, diretta.
Cosa stai aspettando?
Spegni la TV e i social, trova te stesso! Solo così smetterai di proiettare i tuoi fallimenti e i tuoi sogni su figli e amici, ed inizierai a vivere una vita più serena, più semplice e più vera!
 
Buona ricerca.

L’arte di lasciar andare

L’ARTE DI LASCIAR ANDARE

Bansky - Bambina con palloncino
Luna nuova in Bilancia.
Quale migliore occasione per dedicarci ad un aspetto troppo importante della vita, spesso trascurato o frainteso!
Potrei azzardare un’interpretazione per la quale molti potrebbero storcere il naso ma…se ci pensate meglio, capita proprio a fagiuolo:
 
PERDERE L’EQUILIBRIO
 
Come ogni Luna nuova, parliamo di qualcosa che va lasciato andare in favore del nuovo.
In un periodo di forte instabilità ed incertezza come quello che stiamo vivendo (e che a mio avviso si acuirà il prossimo mese), quale peggior illusione potremmo mantenere se non quella di restare nel nostro equilibrio?
Il Covid ci ha cambiato la vita, e questo è innegabile.
Un ritorno alla “vita com’era prima” è utopico, e ad ogni modo sconsigliabile visto lo stato in cui versa il nostro pianeta.
La prima lezione impartitaci a Marzo non è evidentemente servita a molto se non ad inasprire i rapporti umani, a creare paure e dubbi, diffidenza e divisione.
E’ ormai evidente che, per la maggior parte delle persone in tutto il mondo, gli equilibri sono stati rotti. E aggiustarli con lo scotch non è la soluzione, ma solo un palliativo.
Cosa ci resta da fre ordunque?
 
Tutte le Tradizioni sciamaniche ci hanno sempre insegnato l’ARTE DEL LASCIAR ANDARE, molte di esse anche “forzando la mano” con l’utilizzo di Piante Maestre, che vanno a lavorare proprio sui finti equilibri che creiamo nel tempo. Equilibri dettati dalla comodità di cui ci circondiamo, dalla sicurezza economica, dalle persone che ci circondano e molto altro…tra cui la salute.
Bene, tutto questo è finito, se non per tutti, almeno per i più. E’ arrivato il momento di imparare veramente qualcosa da questo virus prima di fare grossi scivoloni e perdere (di nuovo) la speranza.
 

Meditazione della Luna nuova

Chiediamo dunque a questa Luna nuova di aiutarci a trovare nuovi e più stabili equilibri, nel nome di una vita più vera e sincera.
Vi esorto a ritrovare la vostra FEDE, perchè nel lavoro che faccio noto sempre più spesso la sua mancanza.
Qualunque sia il vostro credo, re-imparate ad AFFIDARVI, e vedrete così che non siete mai stati soli, e mai lo sarete.
Solo è chi solo vuole essere. E tuttavia non verrà mai abbandonato.
 
Ovviamente ci potrebbero essere anche altri intenti per le meditazioni di questa notte, come ad esempio:
– Chiudere una relazione che non ha più senso
– Abbandonare una causa legale riconoscendo un inutile accanimento
– Sciogliere un gruppo o un’associazione che non funziona più da tempo
– Uscire da un gruppo whatsapp (diamo peso anche alle piccole scelte!)

Il significato della Fede

CHE COS’E’ LA FEDE

Arcano Tarocchi La Forza
“Credere”, fondamentalmente, è soltanto un grande gesto di umiltà con sè stessi.
Ammettere che ci sia qualcosa di più grande di noi spaventa l’ego, che vuole avere sempre il controllo su tutto.
Ma la fede non è altro che SPERANZA, e che c’è di male nello sperare? Talvolta è davvero l’unica salvezza…
Ci sono cose che non potranno mai essere provate, non potranno mai essere calcolate nè catalogate dalla scienza, poichè la scienza non è altro che la matematica della mente umana, continuamente a caccia di certezze e risposte…quindi illusioni.
L’ignoto spaventa, e la paura di aver paura spaventa più della paura stessa.
Un atto di fede è di fatto un atto di Forza